venerdì 5 maggio 2017

La ragazza del treno

Film davvero coinvolgente. Come i bei film di tutto rispetto si svolge al presente e al passato, con tanti  flashback e dividendo la storia per gradi, tra personaggi e fatti. Vari punti di vista si alternano nel racconto. In questo modo ciò che può sembrare, in realtà non è... ciò che lei vede e interpreta ha dei risvolti che non può conoscere e tutto viene frainteso, ma cosa ancora più interessante è come viene giocato il ruolo della vittima/ carnefice che è l'uno o l'altro. Lei beve per dimenticare la distruzione della sua vita, del suo matrimonio, di tutto ciò che aveva. Vive nel costante senso di colpa che la tormenta attraverso i suoi ricordi, di stalker ubriaca e violenta... vive sognando di avere una vita che non ha più, e spia dal finestrino del treno una giovane coppia che pensa essere perfetta, finché un giorno dal suo finestrino vede qualcosa che la turba. E' l'inizio della fine... potrei raccontare tutto il film svelando i punti salienti e gli scoop, ma poi non avreste il piacere di vederlo. Caldamente consigliato. 😉

God's not dead - God's not dead 2


Dopo averli visti entrambi devo dire che il primo è stato più interessante. Che uno sia cattolico, o evangelista o mormone, penso che un film come questo possa far ripensare ai propri valori. Dentro di noi sappiamo cosa è bene e cosa è male, fin dalla nascita, e sentiamo quella vocina che ci sussurra all'orecchio se una cosa è giusta o no. La differenza tra ognuno di noi è che non tutti ascoltiamo quella vocina. Nel primo film mi ha colpito molto lo scontro tra lo studente e il professore. La sfida che affronta il ragazzo per dimostrare l'esistenza di Dio e la sfida che invece deve affrontare il professore per dimostrare il contrario. Il ragazzo parla sì, con prove teologiche di scritti e fatti, ma perlopiù parla per sua esperienza. Nella sua vita ha visto la presenza di Dio ogni giorno per cui la sua fede ha un fondamento e grazie a questo riesce ad andare avanti dimostrando le sue ragioni e convincendo anche altri studenti a credere in Dio. Sempre nel primo film conosciamo persone che affrontano altri drammi e li superano con l'aiuto di Dio, sicuri di poter avere sempre la speranza di un bene più grande. Infine capiamo perché il professore non ha fede. Perché in fondo se non credi in Dio e comunque ti importa dimostrare che non esiste vuol dire solo che in qualche modo sei stato ferito e sei arrabbiato con Lui. E se sei arrabbiato con Lui, significa che in fondo ci credi... 


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...