martedì 23 luglio 2013

Cory Monteith

Non posso crederci. Sono ancora in lacrime e con il naso che cola. Ho amato Glee dal primo spot e i personaggi da sempre. Ora che stavano per tornare insieme... Tutta la rehab... Non è bastata. È morto a soli 31 anni, all'apice del successo... Ha lasciato dietro di se tanto dolore... Da Lea, a tutti noi fans... È straziante...

giovedì 4 luglio 2013

Il principe abusivo

Alessandro Siani conferma la sua simpatia.
Antonio, il peggior elemento tra gli esseri umani, vive a Napoli facendo da cavia per esperimenti sui medicinali. Viene scelto da Anastasio, il ciambellano di corte, per diventare il futuro amore della principessa del regno, in cerca di fama. Non per sé stessa, come si potrebbe pensare, ma per essere all'altezza delle due donne che l'hanno preceduta, sua mamma e sua nonna.
Col suo aspetto trasandato, con il suo dialetto napoletano molto stretto, risulterà essere molto "poco adatto" alla vita di corte con tutte le sue regole. Letizia d'altra parte lo saprà incantare e lo farà innamorare. Ma le loro vite sono diverse e lui tornerà a Napoli a quello che faceva prima, non senza però averla fatta innamorare.
Con l'aiuto del ciambellano/ciambellone, imparerà, non perfettamente, il bon ton... e insegnerà ad Anastasio le regole del popolo napoletano, per amore di Jessica.
Il film è stato divertente fin dall'inizio e romantico alla fine. Loro due sono molto carini a vederli, ovviamente c'è il lieto fine, che non vi racconto per non togliervi la sorpresa del finale. Il personaggio più esilarante per me è stato il traduttore, RUOTOLO. Chiamato in causa per tradurre il linguaggio perfetto del ciambellano in dialetto napoletano e il dialetto stretto di Antonio in italiano corretto. A sentirli parlare sono uno spasso.
Ho riso dall'inizio alla fine. Alla fine anche un po' commossa devo ammettere.
Lo consiglio a tutti.

lunedì 1 luglio 2013

Lincoln, il cacciatore di vampiri

Un' altra rivisitazione dei vampiri.
Questa volta senza troppe spiegazioni, riescono a stare alla luce del sole, si fanno invisibili, si trasformano in pulviscolo... Sono brutti, molto poco coloriti e si trasformano in mostri con zanne enormi e bocche gigantesche tipo i Visitors. Dei classici vampiri hanno poco... mancano soprattutto del loro tipico charme. Peggio ancora, non possono uccidersi tra loro. Che novità è questa? Perché i vampiri non possono uccidersi tra loro?  ( 0_0 )
Lincoln che caccia i vampiri è una cosa che ha dell'incredibile, non in senso buono. Voglio dire... Il presidente Abramo Lincoln era un cacciatore di vampiri? Ma cosa volete inventare ancora? Diciamo che estrapolandolo (si può dire???) dal contesto, è passabile. Scorre in fretta, non annoia, le scene di lotta sono ben costruite... mi piace molto che le lotte avvengano in slow motion... danno più forza alle azioni. L'attore che interpreta Lincoln è molto alto, per cui come tutte le persone troppo alte sembra un pochino goffo. Però quando usa l'ascia fa meraviglie... potrei paragonarlo per bravura ai nani guerrieri di Dungeons and Dragons. La storia è raccontata per sommi capi, non si entra molto nel merito di nessuna delle parti... Lui vede uccidere sua madre, vuole vendetta, fallisce e trova un maestro che gli insegna come combattere le creature della notte. Contemporaneamente si interessa di politica, si innamora, si sposa... Diventa presidente, intraprende una guerra per liberare gli schiavi (ovviamente stiamo parlando della guerra di secessione) e nel frattempo deve anche sconfiggere le creature mostruose che vogliono dominare le anime del mondo.
Troppo? Poco? credo risulti un po' confusionario, però alla fine in così poco tempo hanno saputo inserire tanti passaggi e molto di più, che fanno di questo film qualcosa di piacevole da vedere come passatempo pomeridiano. Ringrazio di non averlo visto al cinema, ma non mi dispiace di averlo visto sul pc. Che voto gli darei? La sufficienza con qualcosina di più.